top of page
  • Rita Patron

L'essere professore: vocazione o professione?

Una delle finalità dell'insegnamento nell'ambiente universitario è quella di far ragionare le persone, di trovare soluzioni a nuovi problemi e di svelare alternative davanti a un confronto teorico e pratico. Ma quale sarebbe, allora, l'obiettivo iniziale, la motivazione a diventare docente e a insegnare all'università? E soprattutto, qual è il motivo per cui fare una buona lezione che faccia riflettere gli studenti?

ensino arquitetura professor
Fonte: https://www.pexels.com/photo/girl-reading-a-notebook-6342/

Secondo Nóvoa (2009, p. 12),

“Essere un insegnante significa comprendere il significato dell'istituzione scolastica, integrarsi in una professione, imparare dai colleghi più esperti. È a scuola, e nel dialogo con gli altri insegnanti, che si impara la professione. La registrazione delle pratiche, la riflessione sul lavoro e l'esercizio della valutazione, sono elementi centrali per il miglioramento e l'innovazione. Sono queste abitudini che fanno progredire la professione.”

Da questo punto di vista, vale la pena di evidenziare alcune riflessioni attuali nel panorama dell'insegnamento, alcune delle quali mostrano solo preoccupazione per la padronanza dei contenuti e per una buona comunicazione. Le esigenze della scuola, a oggi, si concentrano in gran parte sui titoli di studio e sulle pubblicazioni, ma forse sarebbe importante riflettere un po' di più su una questione apparentemente secondaria nell'elenco dei numerosi problemi che l'università si trova ad affrontare: la problematica della pratica dell'insegnamento nella formazione universitaria e la vocazione del docente universitario.


A metà del XX secolo, il presupposto era che il docente universitario non avesse bisogno di occuparsi di pedagogia. Era sufficiente una buona padronanza dei contenuti della professione e la capacità di esprimere bene queste conoscenze. Tuttavia, ricercatori come Vásquez (1982), Nóvoa (1995; 2009), Tardif (2002), Pimenta e Anastasiou (2008), hanno portato a una riflessione più approfondita sull'insegnamento e sul fatto che esso assume diverse complessità. Non si tratta solo di professionisti preparati ad agire sul mercato, ma anche di esseri umani, dotati di aspirazioni, aspettative e spesso anche frustrazioni. L'insegnante si trasforma, pertanto, in un soggetto che non si limita a insegnare, ma ispira lo studente a creare la propria identità e a brillare come professionista. A questo proposito, Nóvoa (1995, p. 25) scrive che "la formazione non si costruisce per accumulo [...], ma attraverso un lavoro di ripensamento critico delle pratiche e di (ri)costruzione permanente di un'identità personale. Ecco perché è così importante investire sulla persona e dare uno spessore alla conoscenza dell'esperienza".


In relazione a questa affermazione, cosa rende una lezione così importante? Una buona padronanza dei materiali? Buona comunicazione, spesso con coinvolgimento? Una buona spiegazione da parte del docente? Essere un buon insegnante oggi è legato al processo di costruzione della conoscenza.


ensino arquitetura professor
Fonte: https://www.pexels.com/photo/people-coffee-meeting-team-7096/

In altre parole, in un cambio di paradigma, e in una nuova concezione di ciò che sono l'insegnamento e l'apprendimento, la conoscenza non è un accumulo di conoscenze, non è concentrata solo nei libri, nei risultati delle ricerche o nelle teste di poche persone illuminate. La conoscenza è uno scambio tra diverse conoscenze ed esperienze, e il professore è un mediatore di questo percorso e di queste scoperte.


Sulla base delle precedenti esperienze professionali, e in un momento in cui l'insegnamento dell'architettura in Brasile comincia a risentire della crisi economica, morale ed etica che affligge il Paese, diventa pertinente, nell'ambiente universitario, una reinvenzione della metodologia didattica tradizionale. Le nuove generazioni, cresciute nell'era della comunicazione e dell'immediatezza, sono desiderose di esplorare i nuovi percorsi della narrazione architettonica. Gli studenti, un tempo soggetti passivi in aula, dimostrano ora la necessità d'interagire e di creare la propria interpretazione dell'architettura. Questa prospettiva emerge nel bel mezzo del dibattito sull'essere e fare docenza: quale sarà l'identità di questo nuovo professore di architettura? Come deve essere un buon insegnante? Esiste una guida didattica in grado di garantire che il docente universitario raggiunga questi obiettivi?


Questa riflessione nasce da un interrogativo sulla pratica didattica dei corsi di architettura e urbanistica al giorno d'oggi. Essere critici nei confronti delle proprie prestazioni, e di ciò che si può fare nelle attività accademiche, richiede un impegno e una costante messa in discussione, sia per quanto riguarda le problematizzazioni create in classe, sia per quanto riguarda le fonti e il modo di utilizzarle, che per quanto riguarda le interazioni con gli studenti. Le situazioni sono diverse e richiedono sempre cambiamenti di percorso da parte del docente, però senza mai perdere i principi che lo guidano. Resta da vedere quanti siano disposti ad aprirsi e ad abbracciare il mestiere d'insegnante, non solo come ruolo da svolgere, non solo come formatori di nuovi professionisti, ma come esseri ispiratori di nuovi architetti.


"Essere un insegnante significa essere paziente e avere il dono di dedicare a se stesso senza aspettarsi nulla in cambio, tranne la sensazione gratificante di sapere che il tuo studente ha imparato [...]" (dichiarazione anonima in LUCIANO, Hélio José et al).
 

Questo articolo è parte di una ricerca accademica sviluppata per il corso Problematiche dell'Insegnamento dell'Architettura e dell'Urbanistica - del Programma di Post-Laurea dell'Università Presbiteriana Mackenzie - tenuta dalla Prof.ssa Dr.a Ana Gabriela Godinho Lima (http://lattes.cnpq.br/2010070403291740). Per maggiori informazioni sulla disciplina: https://ensinoau.wordpress.com/

 

Riferimenti

  • FISCHER, Beatriz Terezinha Daudt. Docência no ensino superior: questões e alternativas.

  • Educação, v. 32, n. 3, 2009; LUCIANO, Hélio José–UEL et al. VOCAÇÃO OU PROFISSÃO? REPRESENTAÇÕES DO SER E FAZER DOCENTE; NÓVOA, Antônio (Coord.). Os professores e a sua formação. 2 ed. Lisboa: Dom Quixote, 1995; ______. Professores imagens do futuro presente. Lisboa: EDUCA Instituto de Educação Universidade de Lisboa, 2009; PIMENTA, Selma Garrido. ANASTASIOU, Léa das Graças Camargos. Docência no ensino superior. 3. ed. São Paulo: Cortez, 2008; TARDIF, Maurice. Saberes docentes e formação profissional. Petrópolis, RJ: Vozes, 2002; VÁSQUES, Adolfo S. Ética. Rio de Janeiro: Civilização, 1982.

Comments


bottom of page