top of page
  • Rita Patron

Bene pubblico e patrimonio


Il patrimonio pubblico è costituito dall' "insieme di beni e diritti di valore economico, artistico, storico o turistico appartenenti all'amministrazione pubblica diretta e indiretta", secondo la legge brasiliana 4.717 del 29 giugno 1965.


A una settimana dagli atti di vandalismo indiscriminato avvenuti a Brasilia, la capitale del Paese, dove sono state depredate opere d'arte e di architettura, e di fronte allo sgomento dei media e della popolazione, rimangono molti interrogativi, tra i quali vale la pena di fare alcune osservazioni.


Palácio do Congresso Nacional, Oscar Niemeyer

Brasilia è un'icona dell'architettura brasiliana e mondiale. È una città pianificata, citata e studiata nelle scuole di tutto il mondo. Dal 1987 è patrimonio dell'UNESCO. È il frutto di menti brillanti e visionarie, vista l'importanza di Lúcio Costa e Oscar Niemeyer per il mestiere dell'architetto.


A quanto pare, le persone che l'hanno distrutto non sono consapevoli della sua importanza. Nonostante abbiano rotto vetrate e distrutto mobili, hanno fatto breccia con valori che sembrano non avere alcun riferimento nel mondo di oggi: il rispetto e l'educazione.


Rispetto del bene pubblico, che è il vostro, il mio e il nostro. Rispetto per un'architettura che segna un punto importante della proiezione mondiale brasiliana all'interno del movimento moderno. Ha segnato un prima e un dopo nelle carriere di coloro che l'hanno progettato e costruito. Concepito e progettato secondo i precetti urbanistici della Carta di Atene, di Le Corbusier, del 1933, che proponeva che ogni individuo avesse accesso alle gioie fondamentali, al benessere della casa e alla bellezza della città. Già solo per questo, sarebbe un patrimonio unico tra gli altri.


Rispetto per l'istruzione, ignorando che gli interni degli edifici portano con sé la storia della nostra nazione. Mobili di design, regali da altri Paesi, pannelli artistici e opere d'arte. Sì, ci dispiace per coloro che non si preoccupano, perché non vogliono sapere. Ma ci dispiace soprattutto per coloro che hanno studiato sulla tela di Di Cavalcanti, la parete scultorea di Athos Bulcão, l'orologio di Balthazar Martinot, la ballerina di Victor Brecheret, tra le tante perdite di domenica scorsa, che ricostruiremo e restaureremo. Con impegno, cura e resilienza.



Speriamo che la gente capisca che le perdite di Brasília non sono solo politiche, sociali, di bene contro male, o qualsiasi altro nome ed espressione si voglia dare. Sono perdite di civismo, di nazione, di traiettoria e soprattutto di direzione. Perché se non sappiamo da dove veniamo, non sapremo dove andare.

Comments


bottom of page